immagine lusso

Il sito attento alla natura

"Lega un albero di fico nel modo in cui dovrebbe crescere, e quando sarai vecchio potrai sederti alla sua ombra." Charles Dickens

Registrati o effettua il log-in

protezione ambiente

Google Earth Engine: monitoraggio e previsione dell’evoluzione della Terra.

December 13th, 2010 by Niccolò in Clima, Ecologia dell'ambiente

Google ha svelato una tecnologia online che permette agli scienziati e ai ricercatori di monitorare e misurare le variazioni ambientali (tanto di terra quanto di mare) sfruttando 25 anni di dati satellitari.

Google Earth Engine, introdotto durante i colloqui sul clima a Cancun, utilizza “migliaia di miliardi di misurazioni scientifiche” raccolte dal satellite LANDSAT della NASA.

Google sta già lavorando su alcune applicazioni che consentano il monitoraggio e la mappatura del fenomeno della deforestazione, delle sue tendenze, e dello stretto rapporto tra esso e l’utilizzo del territorio da parte dell’uomo, compresa la creazione di una mappatura (la più grande mai fatta) delle foreste del Messico e delle risorse idriche esistenti.

Questo progetto da solo avrebbe richiesto tre anni di processo utilizzando un singolo computer e invece i funzionari di Google hanno evidenziato come basti solo un giorno, … continua

tags , , , , , , , , , , , ,

Vedi i commenti (Nessun commento) - Scrivi un commento

Neonicotinoidi: pesticidi killer degli uccelli.

November 24th, 2010 by Niccolò in Ecologia dell'ambiente, Flora e Fauna, Terra

Sulla scia del DDT, una nuova classe di insetticidi, definiti “neonicotinoidi” viene considerata la causa principale del drastico declino delle popolazioni di uccelli, di diverse specie.

Gli insetticidi in questione dimostrano una tale efficacia nell’uccidere gli insetti, da privare gli uccelli del loro cibo di base. Alcuni scienziati ritengono anche che siano alla base del declino delle popolazioni di api in Europa e negli Stati Uniti.

Si incollano ai semi della pianta infiltrandosi bene: qualsiasi piccolo insetto che mangi la pianta viene immediatamente infettato. La tossina attacca il sistema nervoso centrale e provoca una morte rapida.

E’ molto meno tossico per gli altri animali, perché v’è una composizione chimica in grado di dimostrare più efficacia sui comuni insetti.

Nel libro “The Systemic Insecticides: A Disaster in the Making” (Insetticidi sistemici: un disastro in atto) Henk Tennekes, ricercatore presso i “Servizi di tossicologia sperimentale” a Zutphen, Paesi Bassi, ha legato l’uso di neonicotinoidi al declino delle … continua

tags , , , , , , , ,

Vedi i commenti (Nessun commento) - Scrivi un commento

Caffè: una buona abitudine, ma una fucina di rifiuti.

October 29th, 2010 by Niccolò in Curiosità, Ecologia dell'ambiente, Sviluppo sostenibile

Ogni mattina le nostre sveglie ci catapultano nel frenetico mondo del lavoro, e per dare una “spinta” alla nostre energie amiamo prendere il caffè. Secondo il Sierra Club Green Home, ogni giorno in tutto il mondo vengono consumate 2,5 miliardi di tazzine di caffè. L’America è responsabile di quasi un quinto di tutto il caffè bevuto.

Il mondo è assuefatto alla caffeina, le nostre abitudini ad alto consumo di caffeina creano un sacco di rifiuti.

Secondo “Sustainability is Sexy”, una organizzazione con sede a Seattle, vi sono un sacco di problemi con le normali tazze di caffè perché la maggior parte delle tazze di caffè non è fatta con materiali riciclati, bensì “nuovi”, con carta sbiancata.

Durante la sua creazione, il bicchiere di carta è coperto con polietilene, una plastica non riciclabile. L’intero processo, dall’inizio alla fine, consuma molte risorse, tra alberi e acqua.

Fortunatamente, ci sono diversi modi per ridurre i rifiuti derivanti dal consumo di caffè, sebbene il consumo di caffè in sé rimanga invariato.

Ma il marchio Starbucks (grande catena internazionale di caffetterie molto in voga oltreoceano e in molti paesi europei) è stato fortemente criticato per essersi … continua

tags , , , , , , , , , ,

Vedi i commenti (Nessun commento) - Scrivi un commento

Greenpeace: Nokia al primo posto nella XVI guida eco-sostenibile.

October 28th, 2010 by Niccolò in Ecologia dell'ambiente, Sviluppo sostenibile

In questi giorni è uscita la eco-guida dei prodotti elettronici firmata Greenpeace. Una analisi dettagliata di tutte le grandi “case elettroniche”, per stabilire, ancora una volta, quali siano le società più virtuose, e quali invece non facciano cospicui investimenti in produzioni ed elaborazioni sostenibili.

Si tratta del sedicesimo appuntamento con questa classifica delle aziende più “verdi”, ed è interessante capire quali miglioramenti (o peggioramenti) a livello di sostenibilità ambientale siano stati fatti dalle diverse case.

Sotto la lente di Greenpeace sono passati come sempre i più disparati oggetti tecnologici: cellulari, monitor, computer portatili, televisori, console.

Diciotto le aziende coinvolte, tra cui spiccano Toshiba, Sony, Microsoft, Acer, Lg, Nokia, Apple, HP, Samsung.

I criteri valutativi del comportamento delle case sono essenzialmente distinguibili in due sfere: da un lato, “uso di sostanze pericolose”, e dall’altro “responsabilità gravante sul produttore” (vedi gestione adeguata dei rifiuti elettronici).

In testa alla classifica abbiamo Nokia, che raggiunge 7,5 punti su 10 (è sì in testa ma come si vede può ancora migliorare), che viene subito seguita da Sony Ericcson perchè “ha bandito l’uso di sostanze altamente nocive come PVC e ritardanti di fiamma a base di bromo, antimonio, berillio e ftalati. In particolar modo, Nokia ha agito efficacemente anche sulle procedure, ossia agendo su ogni singolo passaggio del processo produttivo/distributivo”.

Nintendo va invece malissimo, a causa  delle sostanze utilizzate, e ricopre l’ultimo posto assieme a Microsoft e Toshiba.

Apple si mantiene stabile come punteggio, ossia 4,9 punti, ma scivola dal quinto al nono posto perché altre società l’hanno surclassata. Anche LG e Samsung hanno disatteso gli impegni che avevano preso.

E’ sempre importante tenere d’occhio il comportamento delle società che immettono nel mercato i prodotti che i consumatori usano e apprezzano; soprattutto per aiutare il consumatore ad orientarsi negli acquisti e a fare scelte consapevoli. La classifica completa è consultabile sul sito di Greenpeace.

tags , , , , , , , , ,

Vedi i commenti (Nessun commento) - Scrivi un commento

La mobilità sostenibile come concetto universale.

July 22nd, 2010 by Niccolò in Aria, Ecologia dell'ambiente, Sviluppo sostenibile

Il concetto di mobilità si è evoluto moltissimo negli ultimi anni: si è partiti con le auto meno inquinanti, euro 4, euro 5, fino a stabilire zone a traffico limitato, e a rivisitare nel complesso il movimento di persone e merci in modalità privata e pubblica.

La ricerca di nuove modalità di mobilità sostenibile è incessante, e le città di ogni parte approdano, in tempi estremamente variabili, a questa consapevolezza.

I cittadini oggi sanno valorizzare di più il nesso mobilità-ambiente, e così, anche attraverso organizzazioni, esercitano pressioni sulle istituzioni affinché adottino misure adeguate.

A Milano, ad esempio, una delle misure che ha fatto molto discutere è l’Ecopass; è una misura di disincentivo, consistente in un pedaggio che alcune auto devono pagare per poter accedere al centro di Milano.

Ma si sono evoluti i criteri considerati, e la mobilità viene valorizzata anche in Paesi in Via di Sviluppo o, comunque, non particolarmente sviluppati come i nostri.

La città brasiliana di Curitiba è riuscita a pedonalizzare il centro in un solo weekend: questa scelta fu dapprima molto criticata, specialmente dai commercianti e da altre … continua

tags , , , , , , ,

Vedi i commenti (Nessun commento) - Scrivi un commento

New York: mai più spreco di carta per gli elenchi telefonici cartacei!

May 10th, 2010 by Diego in Curiosità, Ecologia dell'ambiente

La rivoluzione del web permette ormai di fare a meno di milioni di copie cartacee di cui nessuno fa più uso.

elenchi telefoniciL’elenco telefonico è diventato assolutamente inutile, e soprattutto rappresenta un ingente spreco di carta.

Verizon, gestore telefonico dello Stato di New York, ha deciso di provare ad eliminare questo spreco, e sta quindi attivandosi per non consegnarli più ai suoi abbonati.

Probabilmente questa misura entrerà pienamente in vigore a partire dall’anno prossimo, ma non si tratta di una misura improvvisa e poco ragionata.

Oltre al vantaggio ambientale che se ne trae, infatti, Verizon ha avuto l’accortezza di consultare i suoi abbonati, per capire effettivamente quanto utilizzassero gli elenchi.

Risultato: solamente una persona su nove consulta gli elenchi telefonici cartacei, poichè i “restanti” otto su nove hanno pienamente acquisito una web-attitude … continua

tags , , , , , , , , ,

Vedi i commenti (Nessun commento) - Scrivi un commento

Sassari: abbonamenti cinema per chi fa la differenziata.

March 29th, 2010 by Diego in Curiosità, Ecologia dell'ambiente

Con la fine di marzo, si avvia alla conclusione l’iniziativa “Nuovo Cinema per l’Ambiente”, introdotta dal comune di Sassari per l’intero mese, che sembra stia riscuotendo un grande successo.

Eco-domenicheNella città sarda si punta insomma sulla “domenica ecologica” attraverso la raccolta differenziata, con le cosiddette “Eco-domeniche” (7-14-21-28 marzo).

I cittadini sono invitati a conferire, secondo specifiche modalità, i rifiuti differenziati presso l’isola ecologica mobile installata in Piazzale Segni (dalle ore 9.30 alle 13.00).

Per incentivare la consegna dei rifiuti differenziati, è stato creato un sistema di premi che permette di ricevere in omaggio un abbonamento alla rassegna cinematografica “Un Nuovo Cinema per l’Ambiente”, che si svolge a Sassari presso il Palazzo di Città (8-17-21-23-29 marzo).

Il sistema funziona in questo modo: a chi conferisce 4 kg di plastica + 6 kg di vetro viene dato in omaggio 1 abbonamento; allo stesso modo a chi conferisce 10 kg di carta … continua

tags , , , , , ,

Vedi i commenti (Nessun commento) - Scrivi un commento

Anche quest’anno Ama promuove la raccolta degli alberi di Natale.

January 7th, 2010 by Diego in Clima, Ecologia dell'ambiente, Sviluppo sostenibile

Chi ha usato un vero abete per allestire l’albero di Natale ha fatto un piacere all’ambiente. Lo ricorda Ama, che per il sesto anno consecutivo promuove, assieme a Corpo forestale dello Stato, Tgr Lazio e assessorato all’ambientale di Roma, la raccolta straordinaria degli alberi di Natale.

Ama, inoltre, sottolinea che l’abete è da preferire agli alberi in plastica in quanto svolge un ruolo di contenimento della CO2.

Per tutti coloro che vogliono disfarsene, da oggi fino a domenica 10 gennaio Ama mette a disposizione dei cittadini 10 aree, 5 isole ecologiche e 5 centri di raccolta dove portare gli abeti.

Gli orari di conferimento saranno da giovedì a sabato dalle 7 alle 13 e dalle 14 alle 18:30; domenica 10 gennaio dalle 8 alle 13.

I centri di raccolta saranno in via del Campo Boario, via dei Campi Sportivi 100 all’Acqua Acetosa, via Domenico Morelli ad Acilia, via Mattia Battistini 545 e al km 19,600 di via Cassia all’Olgiata.

Le isole ecologiche invece saranno allestite in via Ateneo Salesiano, presso il parcheggio della stazione Metro B Ponte Mammolo, in via Palmiro Togliatti 59, in via Laurentina all’altezza del Gra e in piazza Bottero 8.

Il corpo forestale dello Stato provvederà, insieme agli operatori Ama, a selezionare gli abeti in condizioni tali da poter essere ripiantati.

Gli alberi restanti saranno invece portati a Maccarese, presso l’impianto Ama di compostaggio, per essere trasformati in fertilizzante naturale di altissima qualità.

Ai cittadini che porteranno il proprio albero, Ama consegnerà un sacchetto di compost e materiale informativo per fare la raccolta differenziata e conferire correttamente i rifiuti. Per informazioni sull’iniziativa e sui siti coinvolti si può visitare il sito AmaRoma o contattare il numero verde Ama 800867035.

Quanto ai rifiuti in generale, tra il 24 e il 26 dicembre gli operatori Ama hanno raccolto quasi 11.400 tonnellate di rifiuti (+21% rispetto al 2008) con una media giornaliera di circa 3.800 tonnellate.

Nella notte di Capodanno una task force di 300 uomini e 50 mezzi, dalle 3 del mattino, ha raccolto in poche ore circa 185 tonnellate di rifiuti nelle aree del centro storico e delle altre manifestazioni.

Sono stati oltre 1.800 gli operatori Ama che dalle ore 6 del 1 gennaio hanno garantito i servizi di igiene urbana nella città.

Durante il periodo festivo sono stati impiegati per la raccolta dei rifiuti, la pulizia e lo spazzamento delle strade 2.500 dipendenti (2.000 operatori ecologici e 500 autisti), il 30% di lavoratori in più rispetto allo scorso anno.

tags , , , , ,

Vedi i commenti (Nessun commento) - Scrivi un commento

La Settimana Verde a Bruxelles.

June 24th, 2009 by Sara in Clima

Indetta dalla Commissione europea, si svolgerà dal 23 al 26 giugno nell’edificio Charlemagne a Bruxelles. Con lo slogan “agire e adattarsi”, sarà esaminata la complessa sfida di ridurre le emissioni di gas serra in Europa e nel mondo e adattarsi ai cambiamenti climatici in atto.

Settimana verde 2009A Charleroi, alle porte di Bruxelles. In vista del nuovo accordo internazionale sul clima che dovrebbe essere concluso a dicembre in occasione della conferenza di Copenaghen, i cambiamenti climatici sono ovviamente al centro della “Settimana verde 2009″.

Nel corso di otto sessioni si tenterà, inoltre, di delineare realisticamente un mondo a basse emissioni di carbonio per il 2050.

Si prevede che ai tre giorni dell’evento parteciperanno più di 4.000 persone provenienti dall’Europa e dal resto del mondo. Durante la sessione conclusiva del 26 giugno il presidente della Commissione, José Manuel Barroso, terrà il discorso programmatico, che sarà rivolto alle prospettive dell’accordo di Copenaghen.

Il commissario per l’ambiente Stavros Dimas ha osservato: “Con la conferenza di Copenaghen che si avvicina, il 2009 può entrare nella storia come un punto di svolta nella lotta per evitare che i cambiamenti climatici raggiungano livelli pericolosi e causino sofferenze di vasta portata agli esseri umani.

Il programma completo della Settimana verde consentirà ai partecipanti di scambiarsi conoscenze in merito a numerosi aspetti dei cambiamenti climatici di cui i responsabili politici, gli operatori economici e la società in generale devono occuparsi adesso.”

La Settimana verde e la relativa mostra, giunta quest’anno alla nona edizione, si è imposta come forum annuale di dialogo e di scambio di esperienze, competenze e buone … continua

tags , , , ,

Vedi i commenti (Nessun commento) - Scrivi un commento
logo ok prezzi Vuoi ricevere ogni giorno le notizie sull'ambiente di Ok-Ambiente.com?
Iscriviti al nuovo servizio di NewsLetter!

http://www.wikio.it
logo ok prezzi

Cerca su Okprezzi.it

il sito di comparazione prezzi
La tua pubblicità su Ok-Ambiente.com!

Credits

Powered by
+++Nafta-Net+++

Sponsored by
OkPrezzi.it and BlogoBurn.com

Designed by
m-mstudio.com